Il tempio di Augusto ed il foro romano a Pola

Il Foro, la piazza centrale della Pola romana e successivamente quella medievale è situata nella parte occidentale della città e venne costruito durante il primo secolo avanti Cristo nell' area predisposta per tale scopo, unitamente a tutti gli edifici dell' amministrazione pubblica. Come su tutti i fori romani c'era il tempio della Triade capitolina, Giove, Giunone e Minerva, ma nel caso del foro romano c' erano ancora due templi laterali. Ne rimane conservato integralmente soltanto il tempio di Augusto, mentre dell' altro è visibile soltanto il muro posteriore utilizzato durante la costruzione del Palazzo comunale. L' altro tempio è attribuito alla dea Diana ed era dello stesso stile come quello di Augusto.

Il tempio originariamente dedicato alla dea Roma e all' imperatore Augusto ha una struttura tipica utilizzata nella costruzione dei tempi e venne eretto tra l' anno 2 avanti Cristo e l' anno 14 dopo Cristo. Il semplice corpo rettangolare è composto dalla cella, un ambiente chiuso, e dal pronao che si affaccia verso il Foro delimitato da quattro colonne sulla parte anteriore ed una posta ad ogni lato. Le colonne sono in marmo e terminano con capitelli corinzi. Sopra le colonne e il muro della cella è posta l' architrave sopra la quale si delinea la trabeazione un fregio riccamente decorato. L' elegante fregio della trabeazione della facciata rivolta verso il foro reca la dedica ROMAE ET AVGUSTO CAESARI DIVI FILIO PATRI PATRIAE (A Roma e Augusto, figlio del divino Cesare, padre della patria), in base alla quale venne effettuata la datazione del tempio. Sopra di esso è posto il timpano con un medaglione al centro. Il tempio di Augusto è un pregevole esempio di architettura romana del primo periodo imperiale e le decorazioni indicano l' influsso tardoellenistico.

Durante la sua storia il tempio cambiò la sua funzione originaria e venne trasformato in chiesa cristiana e fontico. Nell' XIX secolo venne trasformato in lapidario fino al bombardamento avvenuto durante la Seconda guerra mondiale quando venne quasi completamente distrutto. Venne restaurato tra il 1945 e il 1947 ed oggi ospita nuovamente il lapidario.

T: + 385 (0)52 351 300
info@ami-pula.hr
www.ami-pula.hr

Posizione

Email

Riconoscimenti internazionali alla regione dell'Istria

  • Best Olive Oil Region in the world 2016, 2017 and 2018


  • Istria 52 Places To Go In 2017

  • 10 Best European
    Wine Destinations 2016

  • 10 Best Wine Travel Destinations 2015

  • World's 2nd Best Olive Oil Region 2010 - 2015

  • Top 10 Valentine's Day Retreats 2014

Oltre alla vasta copertura mediatica in riviste come National Geographic e Huffington Post, e nelle guide turistiche di fama mondiale come Lonely Planet, i giornalisti internazionali e i tour operator continuano a lodare l’Istria e la sua offerta, classificandola tra le migliori destinazioni turistiche del mondo.

Prenotazioni