Il teatro romano minore a Pola

Il teatro romano minore risalente al primo secolo venne costruito sul declivio del Castello e poteva ospitare da 4.000 a 5.000 spettatori.

L' antica Pola aveva un livello di vita culturale molto evoluto, dimostrato anche dal fatto che la città aveva, oltre all' anfiteatro, ben due teatri. Il grande teatro romano era ubicato all' esterno delle mura cittadine sulle pendici del Monte Zaro. Purtroppo, del teatro non rimane quasi nulla tranne qualche dettaglio.

Pola aveva anche un altro teatro il cosiddetto teatro romano minore situato entro le mura cittadine sul declivio del castello e viene datato nel primo secolo dopo Cristo. Lo spazio era costituito dalla scena ed il proscenio ove si svolgevano le rappresentazioni, l' orchestra e la cavea. Il teatro era adagiato sulla pendice della collina, caratteristica dei teatri greci. Del teatro minore restano conservate le fondamenta della scena e della cavea, sebbene in età romana il teatro occupasse un' area più grande rispetto a quanto risulta visibile ai nostri giorni poiché gli scavi archeologici non vennero mai conclusi. Si suppone che potesse accogliere tra i 4 e 5 mila spettatori che all' epoca comprendeva tutta la popolazione di Pola. Oggi, come in epoca romana vi si accede al teatro attraverso una doppia entrata. Dinanzi al teatro si trova l' edificio del Museo archeologico dell' Istria nel quale una volta aveva sede il liceo tedesco.

T: + 385 (0)52 351 300
info@ami-pula.hr
www.ami-pula.hr

Posizione

Email

Riconoscimenti internazionali alla regione dell'Istria

  • Best Olive Oil Region in the world 2016, 2017 and 2018


  • Istria 52 Places To Go In 2017

  • 10 Best European
    Wine Destinations 2016

  • 10 Best Wine Travel Destinations 2015

  • World's 2nd Best Olive Oil Region 2010 - 2015

  • Top 10 Valentine's Day Retreats 2014

Oltre alla vasta copertura mediatica in riviste come National Geographic e Huffington Post, e nelle guide turistiche di fama mondiale come Lonely Planet, i giornalisti internazionali e i tour operator continuano a lodare l’Istria e la sua offerta, classificandola tra le migliori destinazioni turistiche del mondo.

Prenotazioni