Basiliche doppie a Nesazio

A Nesazio, ad eccezione di resti preistorici e romani, è stato conservato il complesso cristiano con basiliche doppie risalenti al V secolo, situato nella parte nord-orientale dell'insediamento. Dal momento che questo è l'ultimo strato di Nesazio, è ben conservato e le basiliche doppie sono visibili anchor oggi. L'entrata principale al complesso era il Foro, e si entrava nel nartece, un lungo corridoio che collegava e che portava ad entrambe le chiese nonché agli impianti ausiliari. Le basiliche doppie sono di dimensioni diverse ed entrambe avevano delle absidi con iscrizioni.

La basilica a nord era più piccola e più antica, i bordi esterni erano stati rinforzati da pilastri e decorati con sporgenze poco profonde che, in aggiunta, oltre alle pareti longitudinali, incorniciavano la porta d'ingresso. Vicino all'abside si trovava il banco dei sacerdoti, mentre nel santuario sono stati trovati resti di un piano rialzato, il pavimento a mosaico e una scatola vuota per reliquie. Lungo la parete nord della stanza principale si trovavano tre stanze che venivano utilizzate come catecumeneo (per la preparazione del battesimo), il battistero e uno spazio per il sacramento della cresima. Il battistero è rettangolare ed è collegato ad entrambe le stanze laterali, ma non alla chiesa. Lungo la parete sud ci sono anche tre sale, due appartengono alle cappelle tombali, e la terza è il diaconico - un luogo per lo stoccaggio degli oggetti della chiesa.

Come la chiesa settentrionale anche quella a sud, la più grande, aveva il banco sacerdotale nell'abside, ma l'abside è stata spostata a sud e l'ingresso principale e l'abside non sono più allineati sullo stesso asse. Le sue pareti erano divise da lesene e pilastri, con ingresso sul lato ovest, mentre la parete nord è stata chiusa con una serie di spazi aggiuntivi. Sembra che la basilica fosse a tre navate o è stata ricostruita in questo modo.

Si presume che la chiesa più grande sia stata dedicata a S. Maria e veniva usata per i riti quotidiani, mentre la chiesa piccola serviva come luogo di incontro del clero e per la cristianizzazione dei fedeli, e fu dedicata a S. Tommaso Apostolo. Le basiliche doppie presentano tracce di distruzione violenta e incendi. Risalgono agli inizi del VII secolo, dal momento che non esiste nessuna traccia di ornamenti caratteristici dei periodi precedenti.

Posizione

Email

Riconoscimenti internazionali alla regione dell'Istria

  • Best Olive Oil Region in the world 2016, 2017 and 2018


  • Istria 52 Places To Go In 2017

  • 10 Best European
    Wine Destinations 2016

  • 10 Best Wine Travel Destinations 2015

  • World's 2nd Best Olive Oil Region 2010 - 2015

  • Top 10 Valentine's Day Retreats 2014

Oltre alla vasta copertura mediatica in riviste come National Geographic e Huffington Post, e nelle guide turistiche di fama mondiale come Lonely Planet, i giornalisti internazionali e i tour operator continuano a lodare l’Istria e la sua offerta, classificandola tra le migliori destinazioni turistiche del mondo.

Prenotazioni