Indumenti tradizionali

Il Museo etnografico custodisce e raccoglie attivamente il patrimonio tessile. La maggior parte della collezione è costituita da indumenti tradizionali istriani.

Nell'inventario del vestiario femminile dell'Istria settentrionale e orientale caratteristico è i taglio a cunei che si lega al periodo gotico. Più tardi questo taglio venne abbandonato a favore di un taglio del vestito femminile che scendeva dal corpino e dalla gonna. Le donne si cingevano la vita con una fascia o cintura tessuta. Sul capo portavano un fazzoletto, solitamente molto ricamato, che più tardi venne fatto con tessuti industriali.

L'abbigliamento maschile si dustingue innanzitutto per i pantaloni - gli uni sono fatti di un tessuto bianco, lunghi fino alla caviglia e attillati alle gambe, mentre gli altri, le cosiddette brageše venivano fatti in un tessuto marrone ed erano più corti e più larghi. Sui piedi si mettevano le calze, mentre gli uomini vestivano i calzettoni; quindi calzavano le opanke (specie di calzatura rozza fatta in pelle), e più tardi le scarpe.

»» Museo etnografico dell’Istria

Email

Riconoscimenti internazionali alla regione dell'Istria

  • Best Olive Oil Region in the world 2016, 2017 and 2018


  • Istria 52 Places To Go In 2017

  • 10 Best European
    Wine Destinations 2016

  • 10 Best Wine Travel Destinations 2015

  • World's 2nd Best Olive Oil Region 2010 - 2015

  • Top 10 Valentine's Day Retreats 2014

Oltre alla vasta copertura mediatica in riviste come National Geographic e Huffington Post, e nelle guide turistiche di fama mondiale come Lonely Planet, i giornalisti internazionali e i tour operator continuano a lodare l’Istria e la sua offerta, classificandola tra le migliori destinazioni turistiche del mondo.

Prenotazioni